Circolare Ministeriale: nuove direttive per la formazione continua dei revisori legali

Con la recente circolare ministeriale, indirizzata agli iscritti al registro della revisione legale, vengono delineate le linee guida per la formazione continua nel triennio 2023-2025. Questo documento presenta importanti aggiornamenti, tra cui l’introduzione di un nuovo gruppo di materie focalizzato sulla “Rendicontazione di sostenibilità” e l’obbligo di superare un quiz finale per ottenere crediti formativi.

Novità Principali

Il triennio 2023-2025 porta con sé significative novità, tra cui spicca l’inserimento nel Programma annuale di aggiornamento professionale di un nuovo gruppo di materie, contraddistinto dalla lettera D), dedicato alla “Rendicontazione di sostenibilità”. Questo aggiornamento risponde all’emanazione della direttiva (UE) 2022/2464, nota come Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD), che impone modifiche rilevanti anche alla direttiva 2006/43/CE, influenzando di conseguenza le disposizioni sulla formazione continua dei revisori legali.

Impatto della Direttiva CSRD

La CSRD mira a promuovere l’economia sostenibile estendendo gradualmente gli obblighi di comunicazione di informazioni non finanziarie anche ad altre imprese oltre alle società quotate di grandi dimensioni. Pertanto, il programma formativo per il 2024 si è ampliato significativamente per includere la “Rendicontazione di sostenibilità”, preparando i revisori legali alle nuove disposizioni normative.

Struttura della formazione continua

La formazione continua per i revisori legali si articola su tre canali distinti:

  1. Formazione diretta del Ministero dell’Economia e delle Finanze.
  2. Partecipazione a corsi organizzati da enti pubblici e privati accreditati.
  3. Riconoscimento della formazione professionale continua per i professionisti iscritti negli Albi professionali e i responsabili della revisione e collaboratori delle società di revisione.

Questi canali possono essere utilizzati sia singolarmente che in modo complementare, consentendo ai revisori di selezionare i corsi più adatti alle proprie esigenze professionali.

Crediti formativi e obblighi

I revisori iscritti devono maturare almeno venti crediti ogni anno, di cui almeno dieci devono riguardare le materie caratterizzanti. Si conferma l’obbligo annuale di aggiornamento continuo, senza la possibilità di compensazioni tra gli anni all’interno dello stesso triennio.

Formazione diretta del MEF

La piattaforma digitale del Ministero dell’Economia e delle Finanze offre moduli formativi a distanza, integrati con nuovi temi e argomenti per il triennio 2023-2025. È introdotto l’obbligo di superare un quiz finale per ottenere crediti formativi, con almeno il 70% di risposte positive per l’acquisizione del relativo credito formativo e la necessità di ripetere il modulo in caso di mancato superamento per tre volte consecutive.

Conclusioni

La circolare ministeriale delinea un quadro chiaro e aggiornato per la formazione continua dei revisori legali nel triennio 2023-2025, preparandoli ad affrontare le sfide e le novità normative nel campo della rendicontazione di sostenibilità e della revisione legale. La flessibilità nei canali di formazione e l’adozione di nuovi strumenti digitali mirano a garantire un percorso formativo efficace e aderente alle esigenze professionali del settore.

Condividi questo post


📣 Manca poco al primo appuntamento accreditato della Revisione Legale in Pratica 2024 📣 

IL CORSO DI 20 ORE CHE PERMETTE LA MATURAZIONE DI 20 CREDITI MEF CARATTERIZZANTI 

Giorni
Ore
Minuti
Secondi

📣 Approfondisci la revisione legale rivolta alle nano imprese con un approccio pratico e operativo 📣 

 IL SEMINARIO SPECIALISTICO FEBBRAIO 2024 INIZIERA’ TRA:

Giorni
Ore
Minuti
Secondi