Indici sintetici di affidabilità fiscale 2024: novità e prospettive

Il 29 gennaio 2024, l’Agenzia delle Entrate ha reso pubblico il provvedimento direttoriale n. 21545, delineando i dati cruciali per l’applicazione degli Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale (Isa) per l’anno d’imposta 2024. Tale comunicato non solo ha confermato l’impiego delle informazioni già previste nei decreti precedenti ma ha anche anticipato l’esame di nuovi dati, quali la condizione pensionistica, la forma societaria cooperativa, i consumi energetici e l’età dei lavoratori dipendenti.

Il documento, nel dettaglio, identifica i dati economici, contabili e strutturali rilevanti per l’applicazione degli Isa nel 2024, ribadendo l’importanza di informazioni già utilizzate per il periodo d’imposta precedente. La novità più rilevante riguarda la possibilità di valutare ulteriori dati, mirando a una maggiore precisione e completezza nelle analisi statistiche alla base degli indicatori.

Programma di revisione degli isa per il 2024

Il provvedimento non solo stabilisce i dati per il 2024 ma delinea anche il programma di revisione degli Isa per il medesimo periodo. Questo processo, secondo quanto previsto dall’articolo 5 del Dlgs 1/2024, terrà conto delle evoluzioni nella classificazione delle attività economiche Ateco.

L’agenzia delle Entrate, nel rispetto del comma 2 dell’articolo 9-bis del Dl 50/2017, sottolinea la necessità di una revisione almeno ogni due anni dagli ultimi adattamenti degli indici. Tale revisione sarà basata su un apposito decreto del ministro dell’Economia e delle Finanze, da approvare entro il mese di gennaio di ogni anno. L’allegato 2 del provvedimento stesso fornisce l’elenco delle attività economiche coinvolte nella prossima revisione.

Riflessi delle novità normative

In conformità con il Dlgs 1/2024, comunemente noto come “Decreto Adempimenti”, il provvedimento apre la strada a trasferimenti di codici di attività da un indice a un altro sottoposto a revisione o a possibili accorpamenti tra indici. Questa disposizione rispecchia la volontà di semplificare la compilazione dei modelli, riducendo gli oneri burocratici per imprese e professionisti, mentre si riforma il sistema fiscale.

Gli Indici sintetici di affidabilità fiscale

Gli Isa, introdotti a partire dal 2018 in sostituzione degli studi di settore e parametri contabili, forniscono un giudizio sintetico sull’affidabilità del contribuente su una scala da 1 a 10. Tale valutazione incide sul riconoscimento dei benefici del regime premiale e sulla possibile inclusione nelle liste di controllo basate sull’analisi del rischio di evasione.

Approvati con decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze entro marzo dell’anno successivo, gli Isa possono essere integrati entro aprile per situazioni particolari. La revisione, programmata ogni due anni, mira a ottimizzare la rappresentazione delle realtà economiche e a recepire le evoluzioni della classificazione Ateco.

Conclusioni

Il provvedimento del 29 gennaio 2024 rappresenta un passo significativo verso una maggiore precisione e adattabilità degli Indici Sintetici di Affidabilità Fiscale. Le novità, ispirate anche al Decreto Adempimenti, indicano una tendenza verso una semplificazione delle procedure, garantendo al contempo una rappresentazione più accurata delle realtà economiche. I contribuenti sono chiamati a compiere una valutazione attenta dei propri dati per garantire la conformità e godere dei benefici previsti dal regime premiale.


📣 Manca poco al primo appuntamento accreditato della Revisione Legale in Pratica 2024 📣 

IL CORSO DI 20 ORE CHE PERMETTE LA MATURAZIONE DI 20 CREDITI MEF CARATTERIZZANTI 

Giorni
Ore
Minuti
Secondi

📣 Approfondisci la revisione legale rivolta alle nano imprese con un approccio pratico e operativo 📣 

 IL SEMINARIO SPECIALISTICO FEBBRAIO 2024 INIZIERA’ TRA:

Giorni
Ore
Minuti
Secondi