L’algoritmo dei revisori degli Enti Locali: un sistema in bilico tra casualità ed equità

Nel panorama intricato delle nomine e delle assegnazioni di incarichi negli enti locali, l’algoritmo di estrazione a sorte per la nomina dei revisori rappresenta un nodo critico. Un sistema pensato per garantire equità e trasparenza, ma che, secondo l’Associazione Nazionale Commercialisti (ANC), si è rivelato inefficace nel raggiungere tali obiettivi.

Con un comunicato stampa datato 12 marzo 2024, l’ANC ha ribadito le proprie preoccupazioni riguardo alle criticità dell’algoritmo, sottolineando che le modifiche e i correttivi apportati nel 2020 non hanno affatto migliorato la situazione. Al contrario, il sistema sembra essersi arenato in una sorte di limbo dove la casualità non è più un garante di giustizia, ma una fonte di disparità e ingiustizie.

Marco Cuchel, Presidente dell’Associazione Nazionale Commercialisti, ha evidenziato il paradosso che si cela dietro alle estrazioni casuali. Mentre alcuni iscritti nell’elenco dei revisori possono rimanere nell’ombra per lunghi periodi senza essere sorteggiati, altri possono trovarsi ad ottenere più incarichi nel giro di poche settimane. Questo disallineamento tra l’intento di equità e la realtà dei fatti mette a repentaglio l’efficacia stessa del sistema.

Una delle criticità più lampanti, come sottolinea il Presidente Cuchel, è stata l’eliminazione dell’estrazione a sorte per il ruolo di presidente, sostituita dalla nomina diretta da parte dei consigli comunali. Questo passo indietro, denunciato già nel 2019 dall’ANC, ha portato a un indebolimento del sistema e ha compromesso la sua capacità di assicurare una distribuzione equa degli incarichi.

L’ANC, attraverso il comunicato stampa, non solo ha voluto richiamare l’attenzione del Ministero dell’Interno sulle evidenti criticità dell’algoritmo, ma ha anche sollecitato un ulteriore intervento di revisione. È necessario superare l’approccio basato esclusivamente sulla casualità e trovare soluzioni che garantiscano un equilibrio effettivo nelle nomine dei revisori degli enti locali.

In un momento in cui la trasparenza e l’efficienza delle istituzioni sono cruciali per la fiducia dei cittadini, è fondamentale agire con tempestività e determinazione per correggere le distorsioni presenti nel sistema. Solo attraverso un dialogo costruttivo e un impegno condiviso sarà possibile ristabilire la fiducia nel processo di selezione dei revisori degli enti locali e assicurare un’amministrazione pubblica più equa e responsabile.

Inoltre, il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha recentemente pubblicato, in collaborazione con Ancrel (Associazione nazionale certificatori e revisori degli enti locali), il format della “Relazione dell’organo di revisione sul rendiconto della gestione 2023”. Tale relazione è stata predisposta nel rispetto della parte II “Ordinamento finanziario e contabile del D. Lgs.18/8/2000 n. 267” (TUEL) e dei principi contabili generali allegati al D. Lgs. 118/2011.

Il Consiglio Nazionale ricorda che il format è aggiornato tenendo conto delle norme emanate e degli orientamenti di prassi e giurisprudenziali pubblicati fino alla data di divulgazione del documento. Questo documento, composto da un testo Word con traccia della relazione dell’organo di revisione e tabelle in formato Excel editabili, fornisce uno schema per la formazione della relazione, mentre l’organo di revisione rimane l’unico responsabile dei rapporti con tutti i soggetti destinatari del documento e della documentazione a supporto prodotta nell’ambito dell’attività di vigilanza e controllo.

Condividi questo post


📣 Manca poco al primo appuntamento accreditato della Revisione Legale in Pratica 2024 📣 

IL CORSO DI 20 ORE CHE PERMETTE LA MATURAZIONE DI 20 CREDITI MEF CARATTERIZZANTI 

Giorni
Ore
Minuti
Secondi

📣 Approfondisci la revisione legale rivolta alle nano imprese con un approccio pratico e operativo 📣 

 IL SEMINARIO SPECIALISTICO FEBBRAIO 2024 INIZIERA’ TRA:

Giorni
Ore
Minuti
Secondi