L’importanza dell’indipendenza e dell’obiettività dei sindaci nelle società non quotate

I sindaci delle società non quotate svolgono un ruolo di fondamentale importanza nella vigilanza e nel controllo delle attività aziendali. Affinché possano assolvere al meglio il proprio incarico, è essenziale che operino con obiettività e integrità, evitando qualsiasi conflitto di interessi che possa compromettere la loro indipendenza. In questo articolo, esploreremo le norme e le linee guida che regolamentano l’indipendenza dei sindaci e l’importanza di valutare e mitigare i rischi che potrebbero minarla.

I sindaci devono essere indipendenti da qualsiasi influenza esterna che potrebbe pregiudicare il loro giudizio obiettivo. Prima di accettare l’incarico, è loro responsabilità identificare i rischi per l’indipendenza, valutarne la significatività e stabilire se esistano misure di salvaguardia per mitigare tali rischi. Questa valutazione periodica è fondamentale, poiché le circostanze possono cambiare nel corso del loro mandato.

Cause di Incompatibilità e Decadenza

L’indipendenza dei sindaci è disciplinata dall’art. 2399 del Codice Civile, che elenca le cause di ineleggibilità e di decadenza. Queste includono:

a) Situazioni di interdizione, inabilitazione o condanne che comportino l’incapacità di esercitare uffici direttivi.

b) Relazioni familiari o professionali con amministratori e società coinvolte.

c) Rapporti di lavoro o consulenza che possano compromettere l’indipendenza.

Tipologie di Rischio per l’Indipendenza

Per valutare e mitigare i rischi per l’indipendenza, i sindaci devono considerare una serie di fattori, tra cui:

  • Rischio derivante dall’interesse personale
  • Rischio derivante dall’auto-riesame
  • Rischio derivante dalla prestazione di servizi legali o consulenza tecnica
  • Rischio derivante dalla familiarità e fiducia e da minacce di intimidazione.

Questi rischi non compromettono necessariamente l’indipendenza, ma richiedono l’adozione di misure di salvaguardia adeguate.

Valutazione Collettiva dell’Indipendenza

La valutazione dell’indipendenza non è limitata al singolo sindaco ma coinvolge l’intero collegio. I sindaci devono decidere se possono mettere in atto misure di salvaguardia per preservare l’indipendenza collettiva. Questo processo è fondamentale per garantire un controllo efficace e obiettivo.

Ruolo delle Misure di Salvaguardia

Le misure di salvaguardia possono includere:

  • Monitoraggio delle relazioni rilevanti
  • Comunicazione e discussione delle questioni rilevanti
  • Modifiche ai rapporti con la società o altre società coinvolte
  • Valutazione periodica dell’efficacia delle misure di salvaguardia.

Se i rischi per l’indipendenza sono eccessivi e non possono essere mitigati, il sindaco deve rinunciare all’incarico.

I sindaci devono documentare i rischi rilevanti per l’indipendenza e le misure di salvaguardia adottate. Devono anche rendere noti gli incarichi di amministrazione e controllo che ricoprono presso altre società.

L’indipendenza e l’obiettività dei sindaci sono fondamentali per garantire un controllo adeguato nelle società non quotate. La valutazione dei rischi e l’adozione di misure di salvaguardia sono essenziali per preservare l’indipendenza. I sindaci devono operare con trasparenza e comunicare tempestivamente qualsiasi cambiamento nelle circostanze che potrebbe minare la loro indipendenza. In ultima analisi, l’obiettivo principale dei sindaci è proteggere gli interessi delle società e dei loro azionisti attraverso un controllo obiettivo e indipendente.


📣 Manca poco al primo appuntamento accreditato della Revisione Legale in Pratica 2024 📣 

IL CORSO DI 20 ORE CHE PERMETTE LA MATURAZIONE DI 20 CREDITI MEF CARATTERIZZANTI 

Giorni
Ore
Minuti
Secondi

📣 Approfondisci la revisione legale rivolta alle nano imprese con un approccio pratico e operativo 📣 

 IL SEMINARIO SPECIALISTICO FEBBRAIO 2024 INIZIERA’ TRA:

Giorni
Ore
Minuti
Secondi