Scadenza imminente per il versamento annuale dei revisori legali al 31 gennaio 2024

Il Decreto Ministeriale del 29 dicembre 2023 ha introdotto importanti cambiamenti per gli iscritti al Registro dei Revisori Legali, in particolare per quanto riguarda il contributo annuale per l’anno 2024. L’importo è stato revisionato, passando da 35 euro dello scorso anno a 47 euro. Tale decisione ha implicazioni significative per la comunità dei revisori legali, definendo anche le modalità di pagamento.

Destinatari del contributo

I revisori legali e le società di revisione legale iscritti nelle sezioni “A” e “B” del Registro alla data del 1° gennaio 2024 sono tenuti al versamento di questo contributo. Per i nuovi iscritti, il contributo annuale diventa effettivo a partire dal 2025, mantenendo invariato il contributo di iscrizione a loro carico.

Conseguenze del ritardo nel pagamento

Il Ministero dell’Economia stabilisce un periodo di tre mesi dalla scadenza prevista per il pagamento del contributo. Superato questo termine, viene concesso un ulteriore periodo, non superiore a 30 giorni, per effettuare il versamento. Oltrepassato anche questo termine aggiuntivo senza adempiere al pagamento, si applicano sanzioni serie. Il revisore o la società di revisione vengono sospesi dal Registro, e il moroso è tenuto al pagamento di interessi legali e oneri amministrativi per il recupero del credito.

Modalità di pagamento nel 2024

Una delle novità principali per il 2024 riguarda la modalità di comunicazione degli avvisi di pagamento. A differenza degli anni precedenti, gli iscritti non riceveranno più avvisi cartacei, ma dovranno accedere alla propria area riservata nel portale della revisione legale per scaricare gli avvisi dopo aver selezionato la voce “contribuzione annuale”.

Opzioni di pagamento

Gli iscritti hanno diverse opzioni per adempiere al versamento del contributo:

  1. Utilizzo dei servizi del sistema pagoPA, accessibili dal sito della revisione legale tramite l’area riservata e con possibilità di scelta tra carta di credito, debito o prepagata, bonifico bancario o bollettino postale.
  2. Presso banche, Poste e altri prestatori di servizio di pagamento aderenti all’iniziativa, come tabaccherie e ricevitorie autorizzate, home banking, ATM, APP da smartphone, sportello, ecc. L’utilizzo del codice avviso di pagamento, QR Code o codici a barre è essenziale.
  3. Pagamento tramite bonifico bancario con IBAN IT57E0760103200001009776848 a favore di Consip S.p.A. Riportare nella causale il codice di avviso di pagamento, il codice fiscale e il numero di iscrizione al Registro dei Revisori.
  4. Utilizzo del bollettino PA bianco “TD 123” disponibile presso gli Uffici Postali, con versamento sul c/c Postale n. 1009776848 intestato a Consip S.p.A. La causale deve includere il codice di avviso di pagamento, il codice fiscale e il numero di iscrizione al Registro dei Revisori.

Registrazione della ricevuta

Dopo aver effettuato il pagamento, è obbligatorio caricare una copia della ricevuta nell’apposita sezione della propria area riservata, sotto la voce “contribuzione annuale”. Con la scadenza del 31 gennaio alle porte, è cruciale che gli iscritti si attengano scrupolosamente a tali procedure per garantire il mantenimento della loro registrazione nel Registro dei Revisori Legali.

Condividi questo post


📣 Manca poco al primo appuntamento accreditato della Revisione Legale in Pratica 2024 📣 

IL CORSO DI 20 ORE CHE PERMETTE LA MATURAZIONE DI 20 CREDITI MEF CARATTERIZZANTI 

Giorni
Ore
Minuti
Secondi

📣 Approfondisci la revisione legale rivolta alle nano imprese con un approccio pratico e operativo 📣 

 IL SEMINARIO SPECIALISTICO FEBBRAIO 2024 INIZIERA’ TRA:

Giorni
Ore
Minuti
Secondi